→Una proposta choc per gestire le strisce blu nel territorio di Cassino. Una sorta di cooperativa di lavoratori e di imprenditori insieme per trovare una soluzione alla gestione dei parcheggi a pagamento. La proposta è arrivata dall’associazione Verso il Futuro rappresentata dal presidente Alessio Carlino che ha affermato: «Abbiamo provato ad ideare una società di Cassino che comprende anche i 35 ausiliari del traffico e i colleghi licenziati in precedenza che insieme a degli imprenditori del posto potrebbero partecipare al bando di gara attualmente aperto dall’amministrazione comunale. La motivazione è semplice: innanzitutto per dare una vera stabilizzazione al personale addetto e nello stesso tempo per dare una immagine diversa più accurata della città. Infatti, l’ipotesi alla quale stiamo lavorando è quella di creare una società dove i dipendentisiano soci lavoratori. Come presidente di una associazione culturale mi faccio promotore di una istanza concreta che potrebbe migliorare anche la gestione del servizio stesso. Questo perché se le strisce blu ci sono e non possono essere abolite allora sarebbe meglio che a gestire il servizio fossero i lavoratori stessi e una realtà imprenditoriale del territorio. La nostra intenzione è quella di voler istituire un tavolo tecnico atto a valutare l’opportunità di partecipare al bando indetto dal comune di Cassino riguardo l’affidamento del servizio di gestione delle aree di parcheggio a pagamento da poco rimaste incustodite. Attraverso la creazione di una società del genere avrebbe come conseguenza di avere unità lavorative più responsabili (essendo soci, curare gli interessi dell’azienda significherebbe curare gli interessi propri) e già dotate del know how necessario (da tempo impegnati nel settore). Ci rendiamo conto che questa è solo un’idea embrionale da sviluppare bene, ma crediamo nella possibilità di far gestire le nostre aree ai nostri cittadini. “Verso il Futuro” che rappresenta una associazione nata dai giovani alla ricerca di idee giovani, è e sarà disponibile per approfondire il discorso e creare un “tavolo tecnico” in grado di proporre un reale progetto di fattibilità».←

 

 

Il precedente articolo, supportato da una proposta concreta protocollata al Comune di Cassino il 23 settembre 2010, è stato pubblicato su Ciociaria oggi il 07 settembre 2010 con lo scopo di sensibilizzare l’allora Commissario Prefettizio su tale tematica. Inoltre è stata richiesta la documentazione inerente la vecchia ditta di gestione dei parcheggi (Urbania) il 6 settembre 2010, ma ad oggi non abbiamo ancora avuto risposta.


Oggi siamo rimasti della stessa idea. Crediamo fermamente che i soldi derivanti dai servizi della nostra città debbano poter restare ai cittadini di Cassino.


Ormai è chiaro che la gestione delle strisce blu è diventato un vero e proprio business per una società napoletana che, semplicemente cambiando nome, si è aggiudicata il bando (che altre grandi società del nord definiscono antieconomico) per ben 2 volte, peraltro come unica concorrente! …. E poi si viene a sapere che verso la fine del mandato è prassi comune aprire contenziosi legali nei confronti del Comune per evitare di trasferire all’Ente la percentuale di introiti derivanti dai pedaggi degli automobilisti.

Inoltre la precedente società affidataria (periodo 2005-2010) è stata inadempiente, come da offerta presentata, per numero di parcometri messi per le strade e per non aver istallato il sistema di telelettura istantanea delle cifre incassate dai parcometri. Quella attuale, a detta degli stessi ausiliari del traffico, è inadempiente per le stesse cose.


La domanda che noi tutti dovremmo porci è: ma c’è qualcuno che deve controllare? E se si, perché non lo fa?


Quindi intendiamo ribadire che c’è bisogno di una cooperativa guidata da persone di Cassino, supervisionata dall’Amministrazione comunale, che gestisca le nostre strisce blu, fin quando ci saranno. Il progettino di massima da cui iniziare è quello precedentemente esposto (clicca qui).

L’attuazione della precedente proposta permetterà di mantenere l’occupazione dei 35 ausiliari del traffico e porterà un sicuro e maggiore introito nelle casse comunali.

Meritocrazia Italiana

N.B. Ai sensi della legge sul diritto d’autore (L. 22 aprile 1942 n. 633) si fa espresso divieto di riproduzione dei contenuti del presente articolo da parte di terzi.

 

 

 

× Come possiamo aiutarti?